sonno-sogni

Sonno e sogni: 4 libri da leggere sull’argomento

Aprile, dolce dormire!

L’ispirazione per la nostra consueta raccolta di libri a tema arriva proprio da questo famosissimo detto popolare, che però trova effettivamente riscontro nella scienza: in primavera il nostro cervello è impegnato in un “cambio stagione” che richiede moltissime energie, ed è per questo che ci sentiamo più stanchi e necessitiamo di maggior riposo.

Anche se si tratta di una condizione assolutamente fisiologica, sono in molti a viverla come l’ennesimo fastidio da contrastare.
E questo, in un certo senso, riflette il pensiero comune attuale sul sonno, sempre più spesso visto come tempo “perso” – rubato ad attività più produttive o divertenti – o come un lusso che non sempre riusciamo a permetterci, visti i nostri ritmi di vita sempre più frenetici.

Ma possiamo davvero fare a meno – almeno in parte – di quel tempo che passiamo dormendo, pari a circa un terzo della nostra vita? Anche se non ci sono dubbi sul fatto che il sonno sia necessario per il benessere generale del nostro organismo e specialmente per il cervello, spesso la sua importanza viene sottovalutata.

Gli studi scientifici degli ultimi vent’anni, condotti grazie a nuove tecniche d’indagine, hanno permesso di chiarire molti aspetti legati al sonno, offrendoci nuove e importanti risposte su questo importante argomento. Accanto alle conferme – un buon sonno è il primo passo per avere energie ed essere produttivi – oggi sappiamo anche che dormire bene e a sufficienza è il requisito di base per poter mantenere giovane il corpo, prevenire le malattie, disintossicare la mente, rigenerare le emozioni.

Parlando di sonno, non possiamo poi non parlare anche di sogni, altro argomento affascinante quanto misterioso. Che cosa sono, esattamente, e a cosa servono?

Freud, il padre della psicanalisi, riteneva che i sogni fossero una finestra sul nostro inconscio. Alcune ricerche recenti paiono confermare la sua interpretazione, ma ci sono tantissime teorie diverse che tentano di spiegare come e perché i sogni si formano. Ad aumentare la suggestione, i racconti di molti autori e inventori che hanno dichiarato di aver trovato proprio nei sogni ispirazioni e idee per le loro creazioni: tra questi, il fisico Nikola Tesla, la scrittrice Mary Shelley, lo scienziato Friedrich August Kekulé che grazie a un sogno scoprì la struttura chimica del benzene. E addirittura Larry Page, che a quanto pare in un sogno “vide” la struttura del suo celebre motore di ricerca Google.

In questa piccola rassegna, ecco 4 spunti di lettura per scoprire il sonno e i sogni da un punto di vista approfondito.
Buona lettura (e buon riposo!)

 

1. Dormire, forse sognare. Sonno e sogno nelle neuroscienze – P. Strata

Perché dormiamo? E quali benefici ne ricaviamo, come individui e come specie? Cosa accade nel cervello durante il sonno, e mentre sogniamo?
Queste (e molte altre) domande affascinanti trovano risposta in questo saggio, recentissimo, scritto da Piergiorgio Strata, professore emerito di neurofisiologia all’Università di Torino.

All’interno troviamo una panoramica a 360 gradi sul sonno e sui sogni, che vengono spiegati da un punto di vista fisiologico e funzionale avvalendosi dei risultati più significativi della ricerca neuroscientifica in materia.

Pagina dopo pagina, scopriamo ad esempio come cambia il sonno nelle varie fasi della nostra vita, quali sono le conseguenze (individuali e sociali) della privazione del sonno, cos’è e come si ottiene un sonno di qualità, altamente ristoratore. Insomma, tutto quanto ci serve per comprendere, e sfruttare appieno, la funzione importantissima del sonno per il mantenimento della nostra salute fisica e mentale. Sì, perché il sonno è davvero una medicina: dormire bene previene la depressione, le patologie cardiovascolari e neurodegenerative, l’indebolimento del sistema immunitario.

Dopo questa prima parte, il saggio sposta il focus sull’argomento del sogno, affrontandolo da un punto di vista scientifico ma anche storico, culturale, artistico.

 

2. Il buon sonno: L’orologio della salute – M. Terman

Il nostro “orologio biologico” ha un’enorme influenza sul nostro stato di salute, sia fisica che psicologica: quando non è più sincronizzato con l’esterno, ecco che vari disturbi – tra cui quelli legati al sonno, ma anche all’umore – fanno la loro comparsa, con profonde ripercussioni sul nostro livello di benessere generale.

Michael Terman, uno dei maggiori esperti mondiali di cronobiologia – la scienza che studia i cicli circadiani sottesi al nostro orologio interno – in questo libro divulga il risultato delle sue ricerche, tra cui le strategie di riadattamento dei propri ritmi interni che hanno aiutato migliaia di pazienti affetti da disturbi del sonno a riguadagnare la propria salute.

Fai fatica ad addormentarti o ti svegli ripetutamente durante la notte? Al mattino ti svegli già stanca nonostante tu abbia riposato (apparentemente) a sufficienza? Hai dei cali di attenzione, ogni giorno alla stessa ora, che ti condizionano? Non riesci a spedire a letto i tuoi figli, che la sera sembrano carichi di energie? Fai un lavoro che ti sottopone a “inversioni” di ritmi naturali (turni, viaggi che causano jet-lag, etc)?

Bene, in questo libro troverai molte risposte e consigli utili per recuperare le tue energie!

 

3. I sogni come opportunità di cambiamento – L. Napoli

Se passiamo un terzo della nostra vita dormendo, buona parte di questo tempo lo trascorriamo sognando: nonostante il sogno sia un’esperienza quotidiana che accomuna tutti gli esseri umani, sono ben pochi a prestarvi la dovuta attenzione.
A torto: secondo Luca Napoli, psicoterapeuta con una vasta esperienza sul campo, ogni sogno è un messaggio che la nostra psiche ci lancia, nel tentativo di rielaborare esperienze ed emozioni non gestibili nello stato di veglia.
Lungi da essere, semplicemente, esperienze “accidentali” e automatiche, i sogni sono importanti risorse a cui attingere per la nostra maturazione e il nostro benessere.

Possiamo quindi guardarli da una nuova prospettiva, e imparare a decodificare il loro linguaggio simbolico: così facendo, ci dotiamo di un importante strumento di crescita personale. Secondo l’autore, che ci guida con l’aiuto di casi reali, attraverso i sogni possiamo comprendere meglio, e poi integrare nella nostra vita, “nodi” complessi della nostra esistenza – di cui spesso i sogni ci parlano – superare paure, gestire meglio le emozioni, migliorare i rapporti con gli altri ma soprattutto con noi stessi.

 

4. Curarsi con i sogni. Un viaggio alla scoperta del mondo onirico: interpretare, pilotare e utilizzare i sogni per una vita più sana e felice – C. Johnson

Le neuroscienze e la neurobiologia hanno dimostrato che sognare è importante per il nostro benessere psicofisico, anche perché – come abbiamo visto – i sogni possono anche aiutarci a metabolizzare traumi ed esperienze critiche. Possono quindi essere strumenti terapeutici a tutti gli effetti.

E se questa capacità è già insita nei sogni “ordinari”, quando ci troviamo davanti a una tipologia particolare di esperienza onirica, definita “sogno lucido”, la valenza creativa e rigenerativa del sogno aumenta ancora di più.
Ma cos’è un sogno lucido? Come ci racconta Clare Johnson, prima al mondo ad aver ottenuto un dottorato di ricerca su questo argomento, di cui si occupa da oltre vent’anni, il sogno lucido è l’esperienza che si verifica quando siamo consapevoli di trovarci all’interno del sogno. Un’esperienza di “mindfulness”, in pratica, applicata alla mente che sogna.

Probabilmente ti sarà capitato qualche volta, in modo del tutto imprevisto, di accorgerti di stare sognando. Quello che forse non ti è capitato, è di “cavalcare l’onda” prendendo effettivamente il controllo del sogno e pilotandolo, da quel momento in poi, in base ai tuoi desideri o necessità.

Ci sono varie tecniche per raggiungere uno stato di lucidità all’interno dei sogni che chiunque può apprendere, e questo libro contiene tutte le istruzioni necessarie per iniziare, insieme a vari esercizi pratici. Il fine è quello di usare il sogno per vivere più pienamente, imparando ad entrare in contatto con la parte più misteriosa della nostra mente.
Modificando il sogno, infatti, possiamo cambiare le strutture inconsce della mente accrescendo la nostra creatività, la nostra capacità di risolvere problemi, ma anche intervenendo sulla negatività che assorbe il nostro cervello e che si manifesta con pensieri deprimenti, ansiogeni o autoavvilenti, o con fobie di vario tipo.

 

 

Lascia un commento